Bisogna fare i conti con la distruzione del lavoro

La distruzione del lavoro in atto nelle vecchie economie causato da tecnologia, delocalizzazione, separazione tra percettori di reddito e aspettati consumatori del prodotto, emigrazione di forza lavoro dequalificata che non troverà riscatto sociale, aumento della tassazione sul lavoro che disincentiva l’assunzione, precarietà a vita, causerà disordini sociali. Di per sé non conviene alle imprese, per me, ma finché il sistema con piccoli disordini funziona non si fa niente.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: