Operazioni mediche e fecondazione assistita, è etico praticarle se i rischi superano i benefici?

Indipendentemente dalla gestione che è stata fatta riguardo a quella donna morta durante la gravidanza e per cui familiari denunciano mancanze degli ospedali cui si erano rivolti, senza voler dare colpe a chi si rivolge ai medici per avere soluzione ad un proprio problema fisico o impossibilità di avere figli in modo non assistito, atteso anche che ogni gravidanza comporta una certa mortalità per chi la affronta normalmente che per chi viene assistita, ma sento dire adesso a Rai 1 che la gravidanza indotta ha rischio più alto e gemellare di sei volte superiore al normale, stante l’esperienza di una mia conoscente che è stata multi-operata visto che ritiene che il corpo possa essere aggiustato come una autovettura anche a 70 anni di età quando è normale avere magagne (adesso una parente che sta facendo l’internato medico vorrebbe metterla in lista per la cura dell’artrite con le staminali)…, spero che prima di compiere operazioni i medici si pongano il problema di non fare l’intervento quando i rischi superano i benefici, questa è una valutazione che possono fare solo i medici.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: