Però che sia una sincera conversione e non solo un non stancarsi di chiedere il perdono

Trovo che giustamente il primo discorso di Papa Francesco sia stato assai diplomatico, cercando di evitare di essere troppo energico e tenendo un basso profilo per non farsi la nomea di persona eccessivamente rigida sulle sue posizioni con il rischio di generare un rifiuto a priori nei frequentanti le chiese.

Ho apprezzato la parte dove il Papa diceva che Dio non si stanca mai di perdonare gli uomini ma che gli uomini dovrebbero non stancarsi di chiedere al Signore il perdono.

Ho paura che questo discorso possa essere frainteso da molti dei fedeli più tradizionalisti, mi sorge il dubbio che questi possano aver capito che durante la settimana si può peccare e poi la domenica si chiede il perdono e si è perdonati, poi la settimana seguente non apportano alcuna correzione al proprio operato peccaminoso e continuano a recarsi al cospetto dei servitori del Signore per avere il perdono di nuovo e così via, senza alcun miglioramento.

Troverei ciò in contrasto con quel discorso della sincera conversione, mi pare lo facesse Gesu’, e cioè che il chiedere il perdono di Dio vuol dire CAMBIARE VITA, cercare di peccare il meno possibile e cercare di migliorare.,

Malgrado ciò non voglio dire di cacciare i meno convinti dal tempio, perché anche a frequentare dopotutto si migliora sé stessi, volenti o nolenti. Se non altro si dovrebbe maturare un pochino di senso di colpa che moderi le volontà del nostro io.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: