La riforma del lavoro in sintesi, per chi ha attualmente il contratto a tempo indeterminato

Interpretazione nel lungo termine.

Chiude un reparto dell’azienda.

Licenziamento senza alcuna mensilità aggiuntiva, non prenderanno una buona uscita di 18-24 mensilità!

Questa sarà la norma.

Nei pochi casi eccezionali, a seconda dell’anzianità di servizio, se verrà dimostrato che il licenziamento è individuale, il lavoratore licenziato avrà 12 mesi di mobilità o al massimo 18 mesi.

Solo se si dimostrerà che la chiusura del reparto era strumentale a licenziare proprio quei lavoratori ci sono quelle famose 18-24 mensilità.

A proposito, in Spagna, dove c’è già un sistema liberale del lavoro, a cui si voleva ispirare il Partito Democratico nella sua riforma del lavoro in una precedente legislatura dove per un soffio non è andato al potere, c’è elevatissima disoccupazione dei giovani (oltre il 50%) e dei non giovani (20% mi pare di ricordare).

Infatti c’è una proposta di accorciare ulteriormente l’indennità di disoccupazione, sotto ai 12 mesi.

Personalmente, tenuto conto delle nuove norme sulle pensioni, penserei invece a ridurre le anzianità di servizio, e renderei le promozioni ricevute reversibili, nel senso che si possa dare ad un lavoratore di 60 anni lo stesso stipendio di un ventenne, senza necessariamente licenziare il sessantenne per assumere un ventenne.

Siamo proprio sicuri che tutti i ventenni siano meglio, sotto il profilo della produttività, di tutti i sessantenni?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: