Intervista di Bonanni sull’art. 18, la posizione della CISL mi sembra perfettamente autoreferenziale

Sul Sole24Ore del 13 marzo c’è un articolo in cui Bonanni risponde in modo molto criptico e paludato alle domande poste.

Secondo me la CISL non rappresenta, anche alla luce di queste affermazioni, più l’interesse del lavoratore.

Io mi sono tolto, perchè al momento non faccio parte della classe dirigente.

Mi sembrano queste affermazioni di Bonanni rivolte alla classe dirigente ed economica, per rassicurare che la CISL sarà strettamente allineata alla dirigenza, non fà molta differenza, per me, se al governo ci saranno i partiti del centro destra o quel partito di centro che è il partito Democratico e suoi alleati (indicativo: “i radicali!”).

Noi lavoratori dipendenti ormai non ci rappresenta più nessuno, gramo futuro, dovremo lavorare fino a oltre 70 anni di età per prendere una misera pensione.

E non fraintendetemi, lavorare fino a 70 anni è normale, anche per chi facesse un lavoro manuale, sempre che stia in salute.

Però se non ci saranno garanzie per chi starà in cattiva salute…

Se non ci saranno garanzie di essere tutti cacciati dal lavoro, perchè considerati vecchi…. (occhio! che vecchi e in gravi difficoltà a trovare un altro lavoro sono unanimemente già considerati i 45-enni!), oppure perchè c’è quello strano perverso meccanismo delle anzianità di servizio ed incentivi di stato all’esodo (pre-pensionamenti) che rendono economico rottamare lavoratori che sarebbero benissimo in grado di lavorare meglio di tanti giovani…

Se la previdenza integrativa non ci sarà perchè quella della crescita perenne dell’economia lo iniziano a capire tutti che è una bufala colossale!

Finiremo a 45 anni a lavorare tutti negli ascensori, come i sessantenni di Praga che vidi quando andai in gita scolastica ai tempi del liceo, secondo me stiamo compiendo ampi passi in quella direzione.

Se poi il sindacato crede che il lavoratore debba essere costretto a lavorare sotto la minaccia del licenziamento, mi sembra poco moderno e poco efficiente alla luce delle normative sul lavoro, cosa dimostrata a quali abusi ci ha portati il sistema capitalistico “all’americana”, l’economia senza controlli non porta al benessere delle popolazioni, ma al trasferimento di ricchezza verso chi ha già ricchezze incalcolabili.

Per me l’economia dovrebbe portare maggiore benessere un po’ a tutti, altrimenti il mondo diventa invivibile anche per i cosiddetti ricchi, che devono sempre stare a guardarsi le spalle, e allora, chi ce lo fa fare!

Io mi sono fatto un’idea di questa CISL, che abbia intenzione di trasformarsi in futuro in una specie di società fornitrice di lavoro interinale/collocamento, buttandosi sul mercato dell’incontro tra domanda di offerta e richiesta di lavoro, e sui servizi fiscali ai lavoratori.

In questo senso trovo esagerata la richiesta di una quota sindacale così elevata e che per di più ti fa essere inviso al datore di lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: